Tutta l'informazione che cercavi

Wikileaks: Silvio Berlusconi risponde alle accuse da Tripoli

Silvio Berlusconi si difende dalle accuse di Wikileaks, il sito internet sotto accusa in tutto il mondo per delle rivelazioni scottanti, che si riferirebbero a documenti segreti del Pentagono che stanno mettendo in imbarazzo i leader del mondo. In particolare, questo sito internet, il cui creatore, Julian Assange, e’ scomparso nel nulla da qualche settimana, si riferisce ai festini organizzati a casa propria da Silvio Berlusconi. Da Tripoli il Presidente del Consiglio risponde cosi’.

Il premier ha affermato che non si preoccupa delle parole di funzionari di terzo o di quarto grado che vengono poi prontamente riportati dai giornali di sinistra. Lui non frequenta festini selvaggi e si chiede chi paga le ragazze-escort che parlano delle serate a casa del premier.

Julian Assange nel suo sito aveva reso note delle dichiarazioni poco lusinghiere del presidente del consiglio italiano, considerato come il “portavoce di Putin in Europa” e “incapace, vanitoso e inefficace come moderno leader europeo“, anche perche’ stanco a causa dei festini ai quali partecipa.

Io una volta al mese do delle cene nelle mie case dove tutto avviene in modo corretto, dignitoso ed elegante. Le cose che vengono dette fanno male all’immagine del nostro Paese“, queste le parole di Berlusconi, mentre il suo avvocato sottolinea: “Chi conosce gli impegni di lavoro del presidente Berlusconi sa perfettamente che se stanchezza vi fosse stata, ma così non è, poteva essere correlata soltanto alla intensissima attività politica e di governo“.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>