Tutta l'informazione che cercavi

Vietato twittare per i Cardinali durante il Conclave, pena la scomunica

Assolutamente vietato twittare per i Cardinali durante il Conclave, pena la scomunica. Sono state rese le norme e i divieti che vigeranno durante questo Conclave che vedrà eleggere il prossimo Papa dopo le dimissioni date da Benedetto XVI. Il prossimo 28 febbraio alle ore 20.00 inizierà la vacatio sedis, per un po’ saremo senza pontefice e ancora non si sa quando sarà il Conclave, la data non è ancora stata stabilita.

Mentre si attende di conoscere la data del Conclave, vengono risistemate le stanze a Santa Marta dove i Cardinali risiederanno durante l’elezione del papa. Si tratta di stanza super accessoriate, distinte in grandi e piccole e verranno assegnate tramite un sorteggio, per non favorire nessuno. Avranno telefono, televisione e collegamento internet, aria condizionata, bagno in camera e letti a una piazza e mezza.

Tuttavia non pensate che questa tecnologia durerà molto: nel momento in cui lo scrutinio avrà inizio, i Cardinali tutti i giorni verranno trasportati in pullman da Santa Marta, fino alla Cappella Sistina: qui verranno controllati per evitare che ci possa essere qualsiasi collegamento con l’esterno. Per esempio se mai venissero beccati a twittare informazioni segrete, rischiano pene severe fino alla scomunica.

Di sicuro non potranno entrare nel Conclave col cellulare, pena la confisca. E’ Monsignor Juan Ignacio Arrieta a spiegare la questione:

Le sanzioni sono molto pesanti e sono previste dalla Costituzione apostolica ‘Universi dominici gregis’, il testo che regola l’elezione del Pontefice. Ci sono più scomuniche latae sententiae previste in questo documento che in tutto il codice di diritto canonico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>