Tutta l'informazione che cercavi

Vaccini Novartis: è giallo sul ritiro dei lotti, i Nas continuano le indagini. C’è pericolo?

Continua il giallo sul ritiro dei vaccini Novartis ad opera del Ministero della Salute e dell’Agenzia italiana del farmaco. E adesso intervengono anche i Nas. Ma c’è pericolo per la nostra salute? Come di sicuro saprete, alcuni lotti dei vaccini della Novartis sono stati sospesi dal commercio in quanto potenzialmente pericolosi per la salute umana. Adesso i carabinieri del Nas sono andati direttamente a Siena, la sede italiana dell’azienda svizzera per controllare alcuni dati relativi ai vaccini sospetti.

I carabinieri del Nas hanno raccolto tutta la documentazione necessaria per far luce su questa vicenda e stanno anche collaborando con Fofi e Federfarma per cercare di capire quante siano state le dosi vendute e quante quelle restituite dagli acquirenti dopo lo stop.

I controlli in Toscana potrebbero presto essere seguiti da verifiche anche in Umbria. Ovviamente questa vicenda ha scatenato l’allarme degli italiani, non si contano più le chiamate arrivate al numero verde del Ministero della Salute, soprattutto da mamme, preoccupate per i vaccini fatti ai loro figli, ma anche per i genitori anziani, cioè i soggetti più a rischio. Il guaio è che non si sa cosa fare: vaccinare, non vaccinare, attendere. E c’è da fidarsi?

Ricordiamo come siano stati sospesi dalla vendita 4 vaccini anti-influenzali della Novartis, Fluad, Agrippal, Influpozzi adiuvato e Influpozzi: adesso è il periodo giusto per farli, ma gli italiani non sanno come comportarsi. Anche se i medici, l’azienda e l’Aifa tentano in tutti i modi di rassicurare i cittadini: i vaccini in commercio sono sicuri (per il momento, vi ricordate cosa era successo con lo squalene per il vaccino contro l’influenza A?), gli effetti collaterali rimangono quelli classici e la campagna vaccinale deve continuare. Questo perché in realtà il lotto sotto esame non è mai stato distribuito. Sì, ma chi ci assicura che gli altri siano sicuri? Come facciamo a saperlo visto che sembra di essere in una vicenda ricca di ‘senno del poi’?

I prodotti anti-influenzali Novartis intanto sono stati bloccati anche in Francia, dopo avere subito uno stop anche da Svizzera, Austria e Germania. L’Agenzia sostiene che non dobbiamo preoccuparci, che il blocco dei vaccini non deve essere interpretato in chiave allarmistica, ma solo come sintomo evidente che i controlli funzionano.

E la Novartis cosa dice? Questo è quanto dichiarato in una nota informativa dall’azienda produttrice dei vaccini sotto controllo: ‘In merito alle notizie pubblicate dalla stampa e con l’obiettivo di fornire ulteriori rassicurazioni, Novartis intende ribadire con forza la piena fiducia in merito alla sicurezza ed efficacia dei propri vaccini influenzali stagionali. Nella campagna influenzale attualmente in corso in Europa, i nostri vaccini influenzali stagionali sono stati ampiamente somministrati e non sono stati riportati eventi avversi inattesi. Novartis ribadisce che non ha mai messo in commercio il lotto di vaccini per il quale è stato riscontrato un quantitativo di aggregati proteici superiore alla norma. In ogni caso tali aggregati proteici sono un derivato del virus dell’influenza, componente necessario e naturale dei vaccini. In merito al lotto in questione, trattenuto in quarantena, l’azienda non ha mai inteso nascondere informazioni rilevanti alle autorità sanitarie, ma ha investigato la causa del problema e il suo impatto al fine di presentare alle autorità il necessario documento di valutazione di qualità del prodotto. Novartis continua a collaborare con le autorità Italiane per fornire tutta l’ulteriore documentazione richiesta e le informazioni che le autorità riterranno necessarie’.

Voi come vi comportate? Il vaccino lo fate o no?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>