Tutta l'informazione che cercavi

Uova di Pasqua Kinder troppo care, la denuncia de Il fatto alimentare

Le Uova di Pasqua Kinder sono le più care e il loro prezzo è ingiustificato: ecco la denuncia de Il fatto alimentare. Il problema è che le uova Kinder sono le più gettonate dai bambini, anche a causa di quel fatidico ingrediente segreto che conferisce alla loro cioccolata il tipico sapore che dà dipendenza. Il fatto alimentare ha fatto un’indagine di mercato e ha notato che il prezzo delle uova Kinder non solo è il più caro in assoluto, anche più di quelle da pasticceria, ma equivale addirittura a quello dell’aragosta.

E’ lecito chiedersi a questo punto che tipo di cioccolata pregiata usino per confezionarle e quanta percentuale c’è al loro interno. In pratica l’uovo Kinder Gran Sorpresa Ferrero, quello da 41 grammi, costa la bellezza di 94 euro al kg. Manco zafferano, tartufo e caviale hanno questi prezzi. E io che mi lamentavo dell’uovo Novi, l’unico che posso mangiare a causa delle allergie alimentari, però qui siamo di fronte a un cioccolato al 72% e vi assicuro che è divino come uovo, migliore persino di quelli di pasticceria che ho assaggiato.

Il fatto alimentare denuncia questo costo spropositato, anche perché, siamo onesti, la materia prima di cui è fatto non è eccelsa. In primis non è tutto di cioccolato, ma la parte bianca è fatta con grassi vegetali di dubbia qualità, assolutamente diversi dal burro di cacao, più genuino, ma più caro e rivestito da semplice cioccolato al latte. Motivo per cui il burro di cacao viene sostituito con grassi vegetali e lecitina di soia, meno cari, ma che rendono impossibile alle persone allergiche come la sottoscritta mangiare la maggior parte del cioccolato in commercio. Ivi compreso quello più caro della pasticceria.

La Ferrero si giustifica dicendo che il prezzo elevato è dovuto “all’eccellente qualità delle materie prime” e “dall’unicità delle sorprese”, ma quale eccellente qualità? Se usassero il vero burro di cacao potrei capirli, ma si limitano ad usare i grassi vegetali che utilizzano tutte le altre marche per abbassare i costi di produzione. Rendendo anche in questo modo meno puro il cioccolato che mangiamo e contribuendo ad aumentare il numero delle persone allergiche. Rimane vero che le sorprese sono di qualità superiore, questo glielo concediamo, ma come fare a convincere i bambini che la qualità di questa cioccolata è identica a quella della varie sottomarche?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>