Tutta l'informazione che cercavi

Trenitalia, i nuovi orari e la rabbia dei viaggiatori

frecciarossa

Chi prende spesso il treno per spostarsi nel nostro paese, per lavoro ma anche per piacere o per motivi famigliari, attendeva con un po’ d’ansia la data del 13 dicembre 2009: ieri, infatti, Trenitalia ha modificato l’orario nazionale. Nei giorni scorsi molte le voci che parlavano di un cambiamento radicale, per favorire l’utilizzo dell’Alta Velocita‘, con crescente preoccupazione dei viaggiatori. Oggi, guardando i nuovi orari, i timori si sono trasformati in realta’: viaggiare in Italia in treno sara’ molto piu’ costoso!

I nuovi orari non fanno felici i viaggiatori italiani che, ogni giorno, sono costretti a viaggiare in condizioni esasperanti. Treni non all’altezza, ritardi che si accumulano anche sui treni che dovrebbero viaggiare ad Alta Velocita’ e che dovrebbero permetterci di raggiungere la nostra destinazione piu’ celermente, rimborsi che raramente vengono dati da Trenitalia, nonostante il copioso ritardo.

Le Associazioni dei Consumatori hanno gia’ proposto dei ricorsi al Tar, mentre su internet fioccano le petizioni online, per chiedere a Trenitalia di rivedere l’orario: un orario che prevede piu’ cambi, per consentire ai viaggiatori di salire sui Frecciarossa, che, ovviamente, costano di piu’. Certo, arriveranno anche prima (ritardi permettendo, ovviamente), ma il rincaro dei prezzi e’ davvero troppo alto, soprattutto per chi viaggia continuamente e vorrebbe avere un’alternativa. Finora era stato possibile scegliere, con gli Intercity, gli Eurostarcity e gli Eurostar, che gia’ costavano abbastanza. Adesso, pero’, la scelta diventa decisamente piu’ ardua.

E pensare che una volta il treno era un mezzo popolare, famigliare: se continua cosi’ diventera’ un lusso che pochi di noi potranno permettersi!

Voi che ne pensate? Viaggiatori all’ascolto, fate sentire la vostra voce!

One Response to “Trenitalia, i nuovi orari e la rabbia dei viaggiatori

  1. Blade

    Non si potrebbe sottoporre il caso Trenitalia alla corte europea? Aumentare solo il costo di alcuni treni (l’alta velocità) e poi mettere questi treni su qualsiasi tratta, costringendo chiunque a prenderli, visto che hanno tolto la maggior parte dei diretti e il fatto che il motivato costo in più dell’alta velocità sia la presunta puntualità che non c’è mai, non è considerato una truffa?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>