Tutta l'informazione che cercavi

Striscia la notizia e Cesar Millan: chi ha ragione?

In questi giorni Striscia la notizia si è lanciata in una crociata contro Cesar Millan, il protagonista del programma televisivo Dog Whisperer. Ora, non voglio prendere le parti di nessuno, però mi sembra strano questo accanimento verso una persona. Mi spiego meglio: noi siamo dalla parte degli animali, sempre e comunque, non tolleriamo nessuna forma di maltrattamento, chiunque sia a perpetrarlo. Che si chiami Cesar Millan o altro. Però vogliamo fare qualche precisazione.

Ho letto per curiosità i libri di Cesar Millan e ho trovato qualcosa di utilizzabile in essi. Non dico proprio tutto, però quando trovo qualche cosa di interessante, lo utilizzo. Magari per educare un cane prendo un po’ di questo metodo, un po’ di quell’altro: non devo per forza seguire pedissequamente uno schema, ma selezionare il meglio di tutti.

Per spiegarmi meglio, voglio fare un botta e risposta virtuale alle principali accuse che vengono mosse a Millan:

Accusa numero 1: utilizza collari elettrici

Nei video che si vedono, Cesar Millan viene accusato di utilizzare collari elettrici. Partendo dal presupposto che non vanno mai usati e che ci sono anche parecchi veterinari italiani che li utilizzano, anche se poi non lo ammettono, bisogna fare alcune precisazioni. Prima di tutto, se avete letto i libri di Cesar Millan, ribadisce più e più volte che è una metodica che non usa e che non gli piace. Sono due i casi in cui lo ha utilizzato: cani che stavano per essere soppressi (ricordo che negli Stati Uniti la legge non ci pensa due volte ad abbattere un cane aggressivo) o per insegnare a proprietari dediti al fai-da-te ad usarli correttamente. I collari elettrici sono di libera vendita negli Stati Uniti, molte persone li comprano per addestrare il proprio cane, finendo per utilizzarlo male e creando danni ai cani. Ora, se Millan viene chiamato da un proprietario intenzionato ad usare questo metodo a tutti i costi, cosa deve fare? Lasciarglielo usare male o spiegargli come non fare danni al cane? Nella puntata che mi ricordo di aver visto, il cane in questione mordeva le ruote di ogni veicolo che gli si parava di fronte, rischiando di finire investito più di una volta. Il collare è stato usato per brevi periodi e subito sostituito con altre metodiche.

Quello che mi chiedo è: Striscia la notizia i libri li ha letti? Quello che posso criticare, invece, nei confronti di Cesar Millan è la decisione di mandare in onda una puntata in cui si vede l’uso del collare elettrico. Queste cose secondo me non vanno mai fatte vedere, non per nasconderle, ma per evitare di istigare altre persone ad utilizzarle. E ancora una cosa: la scossa emessa da questi collari, se usata correttamente, è inferiore a quella dei recinti elettrificati dei cavalli. Li avete mai toccati? Io sì, accidentalmente e non è doloroso, solo che non te lo aspetti e ti sorprendi.

Accusa numero 2: colpisce i cani

Altra accusa rivolta a Cesar Millan è quella di colpire i cani. I maltrattamenti animali, di qualsiasi forma e tipo, devono essere condannati, senza riserva. Tuttavia quello che fa Millan non è tirare un calcio al cane: semplicemente con il piede tocca la coscia del cane per distogliere la sua attenzione dal comportamento negativo che si sta innescando. Stessa cosa quando tocca con la mano aperta il collo: non è uno schiaffo, ma è equiparabile a quando picchietti sulla spalla di qualcuno per richiamare l’attenzione.

Andando in giro vedo spesso proprietari strattonare i cani in maniera tale da far gridare al maltrattamento, questo invece va bene? O urlargli nelle orecchie fino a rintronarli?

Accusa numero 3: usa un collare dannoso

Terza accusa è quella di usare un collare a strozzo che stritola il collo del cane. Prima di tutto chiunque abbia visto un collare a strozzo capisce a prima vista che quello usato da Millan non lo è. Semplicemente piuttosto che tenere il collare basso sul collo, lo sposta un po’ più in alto in modo che sia più semplice controllare la testa del cane. Ho visto di persona un beagle un po’ aggressivo per paura sentirsi più sicuro una volta spostato il collare più in alto: non aggrediva più chiunque gli si parasse di fronte, aveva decisamente un’aria più tranquilla. Ovvio che se metti un collare in qualsiasi posizione del collo del cane e cominci a tirare strattoni a destra e a manca come un indemoniato, qualche danno al cane lo fai. Ma un colpetto leggero per distogliere l’attenzione è così sbagliato?

Detto tutto ciò, è così malvagia una persona che dice che un cane ha bisogno di attività fisica, educazione e affetto per essere felice? Quanti cani isterici conoscete che passano 24 ore su 24 a casa, senza mai fare passeggiate perché i proprietari hanno poco tempo da dedicargli? Ci si stupisce se poi non sono educati? Quello che non capisco è l’accanimento e il fare barriera: non ti piace il suo metodo? Al posto di impedirgli l’accesso in Italia, perché non provi a discutere con lui? Non tutti i cani possono essere educati a premietti, ci sono cani con cui questo metodo non funziona. Se funziona bene, ma se non funziona, cosa faccio? Mi limito ad imbottire il cane di psicofarmaci? Ma così maschero il problema, non lo risolvo. Perché dunque non confrontarsi serenamente? Onestamente piuttosto che un Millan trovo peggio un educatore che grida scandalizzato che un San Bernardo non può vivere fuori (mi riferisco al programma Cambio Cane): a parte che i proprietari avevano appena finito di dire che il cane un po’ sta dentro e un po’ sta fuori, a parte che la parte di giardino adibita al suddetto San Bernardo era grande il doppio della mia casa, ma santo cielo, stiamo parlando di un San Bernardo, non è cane da salotto!

Voi come la vedete? Non è che come al solito la verità sta nel mezzo?

19 Responses to “Striscia la notizia e Cesar Millan: chi ha ragione?

  1. Francesco

    Sono pienamente d’accordo con te. A dir la verità quando ho visto il servizio su striscia la notizia, mi usciva il fumo dalle orecchie!
    Mi chiedo come sia possibile che una trasmissione come la loro che cerca di dar voce alla verità, non si sia informata come si deve sui fatti. Dar ascolto solo ad una campana (per lo più stonata) non è professionale e non è corretto.
    Si sono limitati a far vedere pezzi di scene che potevano sembrare atroci, ma perchè non hanno fatto vedere l’intera puntata in questione dall’inizio alla fine dove si vede una realtà ben diversa? E’ facile accusare una persona vedendo certe immagini, specie se non la si conosce, ma prima di muovere certe illazioni bisogna informarsi bene!
    Io ho l’impressione che chi accusa per la maggiore Millan, sono gli addestratori che finora con i loro metodi non hanno minimamente raggiunto la sua efficacia ottenuta con la semplicità!
    Si ricorda che Millan è prima di tutto uno psicologo di cani, ha studiato la psicologia canina e riabilta i cani come farebbero loro stessi in natura.
    Insegna alle persone come interagire nel modo corretto coi propri cani e questo è utile ed efficace, io stesso sto crescendo con i suoi consigli un cucciolo bello, sano ed equilibrato in maniera soddisfacente come mai prima d’ora e cani ne ho avuti e non ho usato né collare a strozzo, né elettrico né ho mai alzato le mani sul mio cane! Certo essere al suo livello non è possibile ma posso affermare di non avere bisogno di far addestrare il mio cane da nessuno, perchè è buono, educato, socievole e adorabile!
    Inviterei chiunque muova accuse contro Cesar Millan ad informarsi al meglio e vedrà che se lui non sarà certo la perfezione,che non esiste, sarà sicurmente innocente da tutto ciò che è stato detto contro di lui e ci vorranno tante ma tante scuse…

  2. Nymeria

    In effetti anche a me non tornano molte cose. Avendo letto i libri e guardando priva di pregiudizi la trasmissione, non ho visto segni di maltrattamento come tutti si ostinano ad accusarlo. Certo è che montando ad arte i filmati, si può far fare e dire a una persona tutto quello che si vuole. Credo che non ci sia nulla di sbagliato nel dire che un cane deve fare attività fisica ed essere educato bene per essere felice. Non capisco perché non si possa avere l’onestà intellettuale di dire: guarda questa parte del tuo discorso non mi convince, quest’altra sì, perché non proviamo a dialogare per trovare un punto in comune? Ecco, è questo quello che si dovrebbe dire. In fin dei conti non si dovrebbe lavorare tutti quanti per il benessere del cane? Poi in realtà di cosa faccia quando ci sono le telecamere spente non possiamo saperlo, ma non possiamo neanche sapere come si comportano gli educatori nostrani quando non li vediamo. Con una buona dose di cinismo sono giunta a credere che a parole tutti sono buoni e bravi, ma poi nella realtà chissà come si è veramente? Sono comunque contenta che qualcuno la pensi come me. Grazie :)

  3. chiara

    Io sinceramente guardo anche il programma di Simone Della Valle ed Angelo Vaira e loro utilizzano metodi ben ben diversi persino con cani che sono aggressivi,mordono ecc ecc…i collari a strozzo e gli schiaffi o i calci anche se piccoli non sono assolutamente contemplati da loro..ma sono contemplati solo bocconcini,pettorine e gratificazioni.
    I cani vanno educati gratificandoli e premiandoli xke loro imparano x associazione.se tu x nn farlo abbaiare lo terrorizzi o lo tiri x il collare lui nn abbaiera piu ma solo xke ha paura della conseguenza….certo educarli con i metodi docili è molto piu duro e faticoso.
    A me nn interessa..anche io ho fatto educare il mio cane e se l educatrice avesse alzato anche solo la punta del piede verso il mio cane l avrei strangolata.il mio cane aveva paura di tutto e faceva continuamente pipi a casa. Con i metodi tranquilli non lo fa piu ed e perfettamebte educato…quindi questo pseudo educatore è meglio che si legga i libri di altri prima di scriverne di propri.
    Non basta scricere un libro x essere un vero e bravo professionista educatore.

  4. Nymeria

    Guarda, capisco il tuo punto di vista, ma il collare tenuto alto sul collo non è il collare a strozzo. Onestamente in Italia vedo tantissimi proprietari utilizzare il vero collare a strozzo in maniera del tutto impropria. Il fatto di tirare il collare non vuol dire terrorizzare il cane, ma solo fargli distogliere l’attenzione da quello su cui si sta fissando, è quello il significato: vedo gente per strada che strattona i propri cani come fossero domatori e ti assicuro che non seguono il metodo Millan, semplicemente fanno quello che gli passa per la testa, sbagliando ovviamente. E ribadisco che non si tratta di calci, semplicemente con la punta del piede tocchi il cane esattamente come picchietteresti sulla spalla di una persona per richiamare la sua attenzione. Non ti è mai capitato di toccare col piede la gamba di una persona per richiamare la sua attenzione? Non è certo un calcio. Concordo con te che quando il metodo a premi funziona è da preferirsi, per esempio con cani come i Labrador funziona alla meraviglia perché sono dei golosoni. Però onestamente ci sono cani grossi, notevolmente aggressivi con cui questo sistema non funziona. Diciamo che ci sono parti del discorso di Millan che non mi sembrano così sbagliate: attività fisica, educazione e affetto è così sbagliato? Non far diventare il proprio cane il capobranco è così sbagliato? Io sono dell’idea che dei diversi metodi bisogna prendere il meglio e tralasciare tutto il resto, non mi piacciono le crociate per partito preso.
    Ti faccio un altro esempio: non mi ricordo se è successo nel programma di Simone Della Valle o di Angelo Vaira, per esempio di loro mi piace il sistema del guinzaglio bloccato quando il cane tira troppo: ti fermi, metti il piede sul guinzaglio, il cane si blocca e poi riparti. Non mi piace invece il fatto che lasci il guinzaglio così lungo e ti spiego il perché: ho visto un chihuahua finire sotto una macchina perché la padrona aveva lasciato il guinzaglio lungo, si era distratta un attimo e il cane, grazie al fatto di aver il guinzaglio lungo, era riuscito ad oltrepassare l’aiuola e finire sotto una macchina. Per cui di questo metodo prendo il blocco col piede, ma non il guinzaglio così lungo.
    Spero di essere riuscita a spiegare esattamente quello che intendevo. :)

  5. Ettore

    Mi piacerebbe vedere uno di quelli che critica Cesar Millan, mettere la pettorina ad un cane aggressivo adulto di 60Kg che non è mai stato riabilitato forse perché abbandonato da piccolo o maltrattato dal padrone precedente. Lo sopprimi?? Lo costringi a vivere, anzi, a morire in una gabbia 24h su 24 perché pericoloso?? …Oppure proviamo ad usare un collare a strozzo per poi passale alla pettorina ed ai bocconcini ed alle coccole??….vi invito a pensarci un attimo.
    Ci sarebbero molte cose da dire riguardo il servizio di Edoardo Stoppa, il quale stimo moltissimo per il suo amore verso gli animali, ma siccome di servizi fatti da lui ne ho visti tanti ho anche visto che maltrattare un animale significa ben altro.
    Vorrei anche ricordare che nella maggior parte dei casi in cui il cane morde il proprio padrone o un membro della famiglia è per motivi di gelosia. Questa è scaturita dal fatto che costruiamo attorno al cane una personalità umana, ma il cane non è una persona.
    Ho un bellissimo pastore tedesco adulto con il quale fin da piccolo ho svolto attività di addestramento utilizzando strumenti e metodi giusti sotto, ovviamente, la supervisione di persone esperte i quali mi hanno sempre insegnato ad usare polso, affetto e tanti metodi di gioco.
    Non vi voglio nascondere il fatto che se Ettore va d’accordo con persone, bambini, ed altri animali è anche grazie ai libri di Cesar Millan i quali spiegano, in maniera molto più efficace delle trasmissioni televisive, come ed in quali casi si dovrebbe utilizzare i cosiddetti strumenti di “tortura” citati da striscia la notizia.
    Sono pienamente d’accordo con Francesco, “prima di muovere certe illazioni bisogna informarsi bene!”

  6. Basta mettere insieme alcune immagini, intervistare qualche veterinario, ed eccoci qui, un personaggio tanto stimato da tanti altri veterinari in America, forse meno bravi di quelli intervistati da Stoppa!? Diventa uno che maltratta i cani. Allevo ed educo cani da oltre 30 anni , li addestro e purtroppo a volte devo anche rieducarli, proprio perché molte persone ignoranti, che credono di essere nel giusto, pensano che gli animali ragionino come le persone. Ahimè, mi rendo conto che ancora oggi la musica è sempre la stessa, tante chiacchere e troppi interessi intorno al mondo della cinofilia, e purtroppo troppi proprietari di cani ignoranti che credono che i loro metodi siano sempre quelli giusti. Potrei parlare per ore sull’argomento, ma non credo sia il luogo adatto. Non sarò altresì fazioso come altri nel pensare che, viceversa, lo strangolo può rivelarsi utile se non necessario, ma dovrei argomentare in diverse direzioni e l’argomento non avrebbe mai fine, perché ognuno potrebbe sempre dire il contrario dell’altro. Ciò di cui sono certo, è che alcuni teorici del settore, veterinari e comportamentalisti, non hanno una conoscenza empirica dell’argomento ed alcuni di loro credono di sapere tutto o quasi tutto, magari riescono anche a parlare con i cani, ma quando si trovano innanzi ad un cane mordace e difficile da gestire, di oltre 50 Kg , li senti dire, “QUESTO E’ UN CANE PERICOLOSO , MORDACE NON RECUPERABILE, BISOGNA ABBATTERLO”. Beh, signori, io avrei abbattuto prima lui ed avrei sicuramente tirato le orecchie ai proprietari del cane, per il modo in cui l’hanno cresciuto. Il cane , un Roth, ovviamente difficile da gestire e non da tutti avvicinabile, che per lo scienziato della teoria doveva essere abbattuto, è cresciuto successivamente con mia moglie ed i miei figli. Ciò che insomma voglio sostenere, è che le parole sono troppe e i fatti sempre meno. Tutti parlano, tutti teorizzano ( sembra di sentire i ns politici) dietro una cattedra e molti si ergono a professori della verità, ma vorrei vedere i professori mettere in pratica le proprie teorie e, nello stesso tempo, dimostrare nei fatti come gestire le situazioni difficili , poter finalmente imparare qualcosa da loro, non solo sulle cose semplici da affrontare. Vorrei vedere le persone intervistate da Stoppa far convivere liberamente in un recinto oltre 30 cani di razze differenti , fra cui pitbull, rothweiller, dogo argentino etcc., come fa Cesar, dopodiché ascolterei con maggiore attenzione le sue critiche. Inizialmente ho visto di buon grado il servizi di Stoppa, ma ultimamente mi è piaciuto sempre meno, credo che sia a corto di argomenti, non vorrei che un giorno si presentasse a casa di qualcuno e dicesse ai genitori che lo sculaccione dato ad un bambino è maltrattamento di minori, perché in quel caso qualche calcio nel culo lo vedrei volentieri.

  7. Francesco

    Geronimo sei un GRANDE! E’ ammiro la tua onestà nel non criticare a priori e non essere un falso perbenista, perchè nella tua categoria sono molti ad andare contro un “collega” che sa fare bene il suo lavoro e risultati li ha ottenuti e ce li ha alla mano, telecamere e trasmissione a parte.
    Cesar era povero e clandestino quando è arrivato in america, ma con tanti sacrifici ha saputo farsi strada e fare della sua passione un lavoro meraviglioso, beato lui.
    Sono certo che tu sia bravo nel tuo lavoro e lo dimostra il fatto che l’invidia non fa parte di te sei semplicemente onesto nel affrontare i fatti.
    Complimenti.
    Chissà se riusciranno a contattarlo veramente e a fargli un intervista seria e magari andassero a vedere coi loro occhi come funziona laggiù per togliersi questo “dubbio di Stato” che non li fa dormire la notte!!!

  8. Nymeria

    In effetti io speravo venisse in Italia: in questo modo si sarebbe potuto vedere dal vivo il suo modo di lavorare e fugare ogni dubbio. Un conto è leggere e basarsi sempre su informazioni di seconda mano o su video montati ad arte, un conto è vedere con i propri occhi. Ma a quanto pare gli è stato impedito.

  9. Delusa

    Io ho smesso di guardare Striscia la Notizia da molto tempo, perché si propongono come paladini della verità ma sono loro i primi a manipolare dichiarazioni e immagini a loro piacimento. Del resto non sono certo i giustizieri della notte: ricordiamoci che si tratta pur sempre di un programma televisivo che come tale deve vendere, creare audience e fare scoop che facciano parlare. E poco importa se sono creati sulla pelle di professionisti. Vorrei proprio sapere cosa ne pensa Cesar Millan in merito e mi dispiace molto, perché sarebbe bello un confronto in Italia tra le varie opinioni, con lui e bravissimi educatori italiani che usano altri metodi. Ma forse ci sono molti professionisti che hanno paura della sua fama… Altrimenti non mi spiego tutto questo astio!

  10. Cri

    A me guardando tutto questo accanimento è sorto un dubbio: non è che sulla scia del suo successo, Mediaset è pronta a lanciare un programma analogo e stia spianando la strada????? A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina!

  11. Nymeria

    In effetti su Sky questa tipologia di programmi sta spopolando, quindi in effetti ci sta che Mediaset ci stia facendo un pensierino.

  12. pandora

    si certo….che furbacchione che sei! ovvio che critichi sotto sotto Striscia la notizia…e poi scrivi che i collari elettrici vanno utilizzati bene…
    su questo sito ci sono delle pubblicità di vendita di collari elettrici anti abbaio…!!! bhè complimenti per l’amore che avete verso gli animali!
    non avete nessun rispetto..e se non l’avete non comprate cani e nemmeno adottateli….non fatemi ridere…meditate gente meditate!

  13. Nymeria

    Pessima l’abitudine di giudicare prima di conoscere le persone, si rischia di cadere in errori madornali.
    Prima di tutto sono contraria all’utilizzo del collare elettrico, ho solo detto che se negli Stati Uniti sono di libera vendita e i proprietari si ostinano ad utilizzarli, allora tanto vale che ci sia qualcuno che gli insegna ad usarli in maniera da non danneggiare i cani. Ovvio che sarebbe meglio non usarli, però se la gente si ostina a comprarli cosa ci puoi fare?
    Seconda cosa non vedo pubblicità di collari elettrici su questo sito, dove li hai visti?
    Per quanto riguarda Striscia la notizia, ho approvato parecchi suoi servizi, però è indubbio che non solo in questo caso, ma anche in altri abbiano voluto fare più bagarre del previsto: forse se al posto di bocciare in toto Millan, si fosse fatto un confronto più onesto faccia a faccia al posto di questa campagna denigratoria a distanza molti dubbi sarebbero stati fugati.
    Il che è esattamente lo scopo di questo articolo: cercare di capire cosa ci sia di vero e cosa ci sia di falso, imbastendo un discorso costruttivo e maturo. Poi ognuno ha le sue idee, ma consiglio caldamente a tutti di non andare sul piano personale, non voglio flame sterili di accuse e contro accuse.

  14. Matteo

    Secondo voi perché lui dice da non fare a casa perché sono mosse violente e il cane potrebbe mordere perché lui schiacciando dei nervi lo fa arrabbiare.
    Poi quando lui tira i calci ai cani li fa arrabbiare e li induce a morderlo .
    I cani bisogna trattarli con gentilezza e non con la violenza

  15. Nymeria

    Credo che dica di non provare certe tecniche a casa perché se non fatte correttamente rischi di fare del male a te e al cane. E anche perché non tutti sanno leggere le intenzioni di un cane dalla semplice postura di orecchie e coda, ci va un po’ di pratica prima.
    Non credo che schiacci nessun nervo, non stiamo mica parlando di Spock e non tira i calci ai cani, li tocca solo col piede come fai tu quando richiami l’attenzione di un’altra persona o fai piedino sotto al tavolo.
    E poi sfatiamo questo mito che se ti accosti a un cane con gentilezza non verrai mai morso: ho visto innumerevoli persone allungare una mano con gentilezza verso un cane ed essere morse perché non avevano saputo leggere i segnali che il cane gli dava. Ci va gentilezza e cervello: se il cane si tira indietro dalla paura non continuo ad incalzarlo con i miei tentativi di imporgli la mia gentilezza, mi siedo vicino a lui e lo ignoro aspettando che sia lui ad avvicinarsi. Ma qui esuliamo dal discorso.

  16. luciano

    sono rimasto veremente spiazzato quando ieri sera mia moglie mi ha detto che stava accadendo un putiferio intorno a cesar Millan. ho apena guardato il video di strscia e sono perfettamete d’accordo con geronimo, sicuramente anche il metodo di cesar non è perfetto e anch’io non sono sempre d’accardo ma credo che la strmentalizzazione che fa strscia sia veramente evidente…..inoltre credo che molti proprietari non abbiano ben chiara la differenza fra un cane ed un essere umano. ritengo che le regole base di cesar siano estremamente corrette e no credo assolutamente che sia un violento…inoltre striscia da quando gli americani gli anno sputtanati x la questione veline non perde occasione x vendicarsi (rendendosi ovviamente ridicoli !!!!)

  17. ALEX

    Dico solo che non per tutti i cani cesar usa metodi coercitivi….per lo piu li usa con casi che sono oramai alla “frutta” e che verrebbero soppressi…..il problema è che anche in questi casi limite in cui l’addestratore mette a repentaglio anche la sua incolumità, comportamentalisti e molti veterinari che lo accusano li imbottirebbero di psicofarmaci o li isolerebbero in gabbie di un canile ( e specifico che la prima forma di maltrattamento animale è l’isolamento sociale cioè la gabbia ) oppure soppressi. Quindi meglio una lunga vita e serena dopo qualche giorno di tempesta se non ci sono altre modalitò di approccio …sempre meglio che morire soppressi senza avere avuto almeno una ultima possibilitò.
    In piu i video citati basta soo cambiare cio che si dice nella descrizione delle azioni e si puo fare apparire come si vuole…con questo non dico altro. Apprezzo alcune cose che Millan compie e molte altre non le condivido ma non lo reputo un maltrattatore di animali come invece hanno voluto farlo apparire…un po per comodi e un po per politica….

  18. Valeria

    Davvero un bellissimo articolo :)

    Io non trovo assurdo il programma, che mi piaciucca guardare in maniera disinteressata, come un passatempo.
    Trovo assurdo che molti si atteggino a “cinofili” ma non solo chi lo ammira, anche chi lo odia, ma a questo punto non dovrebberò proprio farli questi programmi!

    Gran parte delle persone secondo me non hanno neanche mai visto un cane con problemi, e neanche un cane “dominante”.

    Inoltre tornando al discorso iniziale, cosi come può essere diseducativo un dog whisperer, perchè qualcuno può imitarlo, automaticamente mi diventa diseducativo anche un “cambio cane”!
    o.o sapete quanta gente conosco che gli è morto il cane per fare la cavolata di allungare il guinzaglio con il cane che non ascolta?

    A millan si potrebbe dare il beneficio del dubbio, per il semplice fatto che non è stato l’unico a lavorare con determinati cani, ma altri prima che hanno fallito!
    di contro si “abusa” dando “libertà” a cani che hanno bisogno di regole, gira e rigira stiamo là ai due estremi, ma almeno uno riesce a trovare senso, ammeno che le persone non preferiscono la soppresisone è un altra storia ^_^

  19. Fenisia

    Qui c’è da inorridire a Millan hanno impedito di venire in Italia, il motivo boh!
    Però da qualche giorno si sta discutendo in parlamento di una legge pro-eutanasia per i cani randagi, una legge che permetterà a bastardi come quelli della Romania di prendere un cane randagio e ucciderlo solo perchè abbandonato, o perchè potrebbe mettere a rischio la nostra incolumità, a questo punto io a Milan farei un appello, e comunque striscia non la guardo da un bel po’ sarebbe bello istigare le Iene contro di loro e mettere a confronto vero Millan con un altro professionista che lo critica tanto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>