Tutta l'informazione che cercavi

Sonnambulo uccide la moglie: assolto

Violenza

Violenza

Un uomo di Londra ha ucciso la moglie di notte. Non volontariamente però. L’assasino ha colpito nel sonno. L’uomo infatti soffre di sonnambulismo.

L’uomo è del Galles, si chiama Brian Tho­mas e ha 59 anni. Soffre di sonnambulismo e una notte durante una delle sue crisi ha strangolato la moglie scambiandola per un ladro. L’uomo ha dichiarato di aver avuto un incubo e di aver creduto che la moglie fosse in realtà un ladro intrufolatosi nel camper in cui i due dormivano.

Secondo i giudici Brian Tho­mas non era però un uomo sano e hanno in un primo momento deciso per il ricovero in un ospedale psichiatrico. Successivamente però a Thomas sono stati riconosciuti disturbi nel sonno ed è stato assolto: l’uomo non aveva il controllo della mente e della volontà durante gli episodi di sonnambulismo.

Lo specialista Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze del Fatebenefratelli di Milano, però non è d’accordo: “Assurdo e grave. Avrei concesso tutte le atte­nuanti, ma mai l’impunità. Il sonnambulismo negli adulti è sempre collegato a psicopatolo­gie note. Sono in cura e posso­no essere controllati”.

E voi cosa ne pensate? Credete sia giusto assolvere un uomo che uccide la moglie perchè sonnambulo?

Fonte: Corriere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>