Tutta l'informazione che cercavi

Senato, proposta di legge per avere più Ponti durante l’anno

Senato, Ponte

Il partito popolare sudtirolese o Südtiroler Volkspartei ha deciso di fare un’interessante proposta di legge al Senato per aggiungere cinque Ponti in più all’anno. In realtà non si tratta di aggiungere qualche giorno di festa, ma di ripristinare festività religiose eliminate dal calendario delle vacanza una quarantina di anni fa. I tre senatori promotori di questa proposta sostengono che reinserire nel calendario queste festività non solo farà piacere ai credenti che potrebbero così celebrare le proprie festività religiose, ma anche ai laici che avrebbero più giorni da dedicare al loro tempo libero.

Più Ponti per tutti?

Tutte queste giornate (tranne quella del 29 giugno) erano considerate giorni di festa nazionale sino al 1977: in quell’anno, poi, vennero cancellate per legge. Per quanto riguarda la festività del 29 giugno, san Pietro e Paolo, patroni di Roma, i tre senatori ritengono che sia giusto che non solo Roma, ma anche tutto il resto dell’Italia possa festeggiare questi santi, non appannaggio esclusivo della capitale. Anche se devo dire che le festività dei patroni, purtroppo, non implicano automaticamente la chiusura di tutte le attività lavorative.

I Ponti richiesti al Senato sono quelli:

  1. 19 marzo, festa di San Giuseppe e festa del Papà
  2. Ascensione, 40 giorni dopo la Pasqua
  3. Pentecoste, il primo lunedì che arriva 50 giorni dopo la Pasqua
  4. Corpus Domini, 60 giorni dopo la Pasqua
  5. 29 giugno, festa dei santi patroni di Roma Pietro e Paolo

Ovviamente viene richiesto il ripristino solamente di questi singoli giorni di festa che, però, si traducono in cinque potenziali nuovi Ponti in più. Tutti a favore di questa legge?

Via: Corriere

Foto: Pixabay

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>