Tutta l'informazione che cercavi

Recensione La rivoluzione della luna di Andrea Camilleri, la Sicilia di ieri nella Sicilia di oggi

La-rivoluzione-della-luna

Ho appena finito di leggere La rivoluzione della luna di Andrea Camilleri, ultimo romanzo pubblicato come di consueto da Sellerio Editore Palermo. Come vi avevamo anticipato, non si tratta di una nuova avventura del Commissario Montalbano a Vigatà, bensì di un romanzo auto conclusivo, ambientato nella Sicilia del Seicento, quella dei Vicerè di Spagna per intenderci. E anche se ci rammarichiamo dell’assenza di Salvo, dopo le prime pagine ci consoliamo presto: Camilleri ha ancora una volta colto nel segno.

La trama di La rivoluzione della luna di Andrea Camilleri è basato su una storia vera che lo scrittore ha trovato nel Dizionario delle figure, delle istituzioni e dei costumi della Sicilia storica di Francesco Paolo Castiglione. Donna Eleonora è veramente vissuta in quel periodo, anche se le notizie su di lei e sul suo operato sono veramente frammentarie.

Lo stesso Andrea Camilleri sottolinea come a grandi linee la storia si sia svolta in questo modo, ma molto è dovuto alla sua fantasia. Ma a me non interessa, in fin dei conti non sto leggendo un trattato di storia, giusto? Una recensione positiva per un libro che si snoda in 28 giorni, il corso della luna per l’appunto. Donna Eleonora, bellissima spagnola, moglie del Vicerè di Sicilia, si trova all’improvviso insignita dal testamento del defunto marito del titolo di Vicerè.

Per i nobili e la chiesa corrotta dell’epoca è la fine dei bagordi: con grande fermezza Donna Eleonora riuscirà nel breve tempo concessole a migliorare la qualità di vita dei palermitani e dei siciliani in generale, punendo i malvagi e i corrotti. Il tutto narrato con la maestria di Camilleri che con grande ironia ci mostra lo spaccato della Sicilia di ieri che potrebbe essere benissimo la Sicilia di oggi, con i sotterfugi, i trucchi, le ruberie dei ricchi ai danni dei poveri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>