Tutta l'informazione che cercavi

Pasqua: storia e origine del coniglietto pasquale

Pasqua, coniglietto pasquale

Prima di tutto, buona Pasqua a tutti! Nell’attesa del pranzo celebrativo (spero che abbiate preparato le uova di cioccolato da aprire), possiamo andare a scoprire la storia e l’origine del coniglietto pasquale, tradizione non italiana, ma che sta prendendo sempre più piede. Il coniglio pasquale (o coniglio di primavera o coniglietto pasquale o coniglio di Pasqua), noto nei paesi di lingua inglese come Easter Bunny e nei paesi di lingua tedesca come Osterhase, ha effettivamente origine nell’Europa Occidentale.

Chi è il coniglietto pasquale?

L’Easter Bunny è un coniglio immaginario che lascia dei regali ai bambini o per Pasqua o per l’arrivo della primavera. Originario dell’Europa Occidentale, a dire il vero all’inizio assomigliava di più ad una lepre che a un coniglio. In effetti nelle antiche culture europee, la lepre era un simbolo della primavera, della rinascita della natura e della fertilità (essendo la lepre un animale molto prolifico). Successivamente, con l’arrivo del cristianesimo, queste festività cominciarono a coincidere con la festa cristiana che ricorda la resurrezione di Cristo.

L’Easter Bunny in Italia?

Il coniglio di primavera non è una tradizione dell’Italia, ma nel corso degli ultimi anni accanto alle classiche uova di Pasqua, hanno preso piede anche i coniglietti pasquali di cioccolato e i peluche a forma di coniglio.

Inoltre spesso vengono organizzate cacce al tesoro alle uova: sono cacce al tesoro in cui si cercano le uova. Un consiglio: se utilizzate uova sode vere, segnatevi su una mappa dove le nascondete. Se non verranno trovate tutte, almeno riuscirete a recuperarle prima che marciscano.

Foto: 19099712@N00

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>