Tutta l'informazione che cercavi

Ora legale: domenica 31 marzo lancette dell’orologio avanti di un’ora. Perché?

Ora-legale

Torna l’ora legale: domenica 31 marzo 2013, giorno di Pasqua, ricordatevi alle due di notte di spostare le lancette dell’orologio avanti di un’ora. Ebbene sì, si dormirà un’ora in meno, brutta notizia. Oltre al fatto di provocarci insonnia e nervosismo, a cosa serve questo continuo cambio fra ora solare e ora legale? Questa modifica dell’ora, che arriva in concomitanza con l’allungarsi delle giornate estive, serve ad indurre le persone ad alzarsi prima, in modo da avere un risparmio energetico la sera.

Infatti con l’ora legale guadagneremo un’ora di luce in più la sera. Ma da dove nasce? Diciamo che nei paesi dell’Unione Europea l’ora legale inizia l’ultima domenica di marzo e termina l’ultima domenica di ottobre. Quando l’orario coincide con quello del fuso orario, in Italia si parla di ora solare. Ci sono paesi che adottano l’ora legale tutto l’anno, noi in Italia no, continuiamo a fare avanti e indietro da un orario all’altro.

Nell’antichità e prima della diffusione degli orologi, i contadini si alzavano all’alba, seguendo l’anticipo della primavera e il ritardo dell’autunno. Quindi di fatto l’ora legale ristabilisce il bioritmo umano che segue l’andamento delle stagioni.

Nel 1784 Benjamin Franklin aveva ipotizzato l’introduzione dell’ora legale sul Journal de Paris, ma nessuno gli diede retta. Nel 1907 l’idea venne ripresa da William Willet, costruttore inglese e complice le richieste economiche della Prima Guerra Mondiale, nel 1916 venne introdotta l’ora legale, ovvero lo spostamento delle lancette un’ora avanti durante l’estate.

Scopo dell’ora legale è quello di aver un risparmio energetico, attivo soprattutto la sera, visto che si usa meno illuminazione elettrica. Ovviamente non aumentano le ore di luce disponibili, ma si evita lo spreco a causa delle abitudini di orario. Ecco un esempio: se dormi dalle 23.00 alle 7.00, il sole sorge prima delle 7.00, quindi se usi l’ora legale puoi sfruttare quest’ora di luce che altrimenti andrebbe persa e ritardare alla sera di un’ora l’accensione delle luci.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>