Tutta l'informazione che cercavi

No a Miss Italia su La7, parola di Enrico Mentana

Enrico-Mentana

Enrico Mentana non ha peli sulla lingua. Secondo lui La7 non è la rete adatta per il salvataggio di Miss Italia, estromessa dal palinsesto Rai e non si fa problemi a dirlo. Questa volta Mentana sceglie Facebook per esternare il suo pensiero e, ovviamente, è subito stato tacciato di essere troppo moralista e snob, ma lui si difende: ha solamente avuto il coraggio di dire ad alta voce quello che tutti gli altri non osano dire.

Ecco cosa diceva il post di Enrico Mentana su Facebook in merito a Miss Italia: “Snob, moralista, talebano, emulo della Boldrini: per aver semplicemente detto quel che è ovvio per tutti, che Miss Italia su La7 non c’entra nulla. Si noti che la manifestazione è stata rifiutata dopo trent’anni dalla Rai, e tutti zitti, ossequiosi e deferenti. Poi è stata rifiutata anche da Mediaset, e ancora di più silenzio e muta approvazione. Ma se qualcuno su La7 fa notare che non è proprio congruo col progetto di canale costruito in questi anni ospitare (come scelta di rincalzo) una manifestazione rispettabile ma non certo affine ai gusti del pubblico stabile della rete, apriti cielo. Chiedetelo prima a Gubitosi e a Piersilvio, eroi della libertà d’agosto, perché hanno detto no a Miss Italia…”.

Ovviamente Mentana non è né il direttore né il proprietario di La7, non ha nulla contro il concorso, ma ritiene che con il tipo di programmi proposto da La7 non ci sia proprio nulla in comune con Miss Italia. Nessuno mai si sognerebbe di mettere Miss Italia su La7.

Sottolinea poi che se Miss Italia non è stato accolto neanche su Mediaset, una qualche ragione ci sarà. Forse troppo vecchio come programma, fuori moda, destinato ad un pubblico che non c’è più. Più favorevole invece l’arrivo di Rita Dalla Chiesa, anche se Mentana piange il probabile addio di Maurizio Crozza, considerato una grave perdita.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>