Tutta l'informazione che cercavi

Natale: gli alimenti vietati ai cani e ai gatti

A Natale siamo tutti più buoni, si tratta di una festa dedicata alla famiglia e dunque anche i nostri pet da compagnia hanno il diritto di festeggiare. Il che significa che possiamo fare un pranzetto su misura per loro, ma che per nessun motivo al mondo dobbiamo dargli o gli avanzi del cenone di Natale o alimenti per loro sempre vietati. Va bene che gli vogliamo bene, ma non capisco perché fare loro intenzionalmente del male: il fatto di nutrirli con alimenti per loro tossici non significa certo amarli.

Scena apocalittica classica in un ambulatorio veterinario durante le festività di Natale: soprattutto cani, ma anche qualche gatto che vomitano in stile esorcista, diarree incoercibili, pancreatiti ed epatiti fulminanti, sembra la fine del mondo. No, è il risultato dei cibi dati incautamente ai propri animali con la scusa che tanto è Natale e quindi qualche stravizio fa bene anche a loro. Solo che un conto è lo stravizio, un conto è avere poi un cane che deve essere curato per le due settimane successive, spendendo soldi per analisi e terapie. E non vi lamentate: siamo noi la causa del malessere dei nostri animali, quindi dobbiamo biasimare solo noi stessi.

I cani di solito seguono diete apposite, che siano commerciali o casalinghe. Quelle casalinghe di solito sono composte da carne lessa o alla piastra, pasta o riso stracotti e verdure. Senza condimenti, salsine, fritti o quanto altro: questo perché l’intestino dei cani non è fatto per digerire simili alimenti e somministrandoglieli provochiamo infiammazioni all’intestino, al pancreas e al fegato.

Ovviamente se il cane non soffre di gravi patologie e gli si allunga un piccolo boccone non troppo condito o speziato, al massimo gli viene del vomito e della diarrea. Il problema è quando questo boccone è eccessivamente condito, troppo grosso o magari già il cane soffre di problemi al pancreas o di forme allergiche: in questi casi ve la cercate proprio se gli date cibi che non dovrebbe mangiare!

Ci sono poi dei cibi che assolutamente non vanno dati al cane e al gatto, in quanto tossici per loro, darglieli equivale a somministrargli un veleno:

  • cioccolato: il fegato del cane non è in grado di eliminare la teobromina, sostanza chimica di cui il cioccolato è ricco, quindi anche dosi piccole possono provocare un’epatite fulminante e letale
  • cipolla e aglio: mai darli a cani e gatti, provocano forme di anemia emolitica fulminanti e letali
  • uva e uvetta: bandito quindi il panettone
  • alcol: occhio anche ai dolci a base di alcol, fulminate il fegato del pet in questione con dosi minime
  • ossa: di nessun tipo e genere, coniglio e pollo si scheggiano come niente, ma anche quelle di bovino riescono a scheggiarle e il rischio è un’occlusione intestinale da operare in urgenza o la perforazione intestinale
  • dolci: perché rischiare che al cane venga il diabete mellito?

E per favore, non ditemi che una volta i cani mangiavano queste cose e sopravvivevano: una volta mangiavano queste cose e morivano a 2-3 anni di vita, non arrivavano certo ai 16-18 anni come adesso!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>