Tutta l'informazione che cercavi

Morto Little Tony, la musica dice addio all’Elvis italiano stroncato da un tumore alle ossa

Morto Little Tony

Little Tony morto per un tumore alle ossa: l’Elvis italiano, come era stato ribattezzato il celebre cantante di pezzi di grande successo come “Cuore matto” e “Riderà“, si è spento all’età di 72 anni nella clinica Villa Margherita di Roma. Da tempo era malato. Oggi il mondo della musica, dello spettacolo e anche la rete ricordano il grande cantante italiano, che rimarrà per sempre nei nostri cuori per le sue canzoni.

Il 2013 verrà ricordato per averci tolto tanti grandi esponenti della canzone italiana: prima vi abbiamo dato la notizie della morte di Enzo Jannacci per poi annunciarvi la scomparsa di Franco Califano. Oggi diciamo addio a Little Tony.

Antonio Ciacci, in arte Little Tony, è stato uno dei primi a portare il rock’n'roll in Italia, per questo veniva chiamato “Elvis Presley italiano“. Per la sua epoca un vero e proprio rivoluzionario con il suo ciuffo cotonato che non lo ha mai abbandonato. La passione per la musica la eredita dalla famiglia, dal momento che il padre era cantante e fisarmonicista, lo zio chitarrista e i fratelli Enrico e Alberto chitarrista e bassista.

La sua carriera nel mondo della musica comincia negli anni Sessanta, dopo la gavetta in una band con i suoi fratelli. Nel 1961 partecipa a Sanremo con Adriano Celentano e la canzone “24mila baci”, che si posizionerà seconda. Il vero trionfo arriverà nel 1966, quando al Cantagiro presenta Riderà, la sua canzone più celebre, insieme a Cuore matto, Un uomo piange solo per amore, Lacrime, La donna di picche, Bada bambina, La spada nel cuore e molte altre ancora!

Non solo musica, ma proprio come Elvis anche tantissimi film per i quali ha realizzato anche le colonne sonore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>