Tutta l'informazione che cercavi

Lonesome George: trovate tracce del Dna della tartaruga gigante estinta, si tenta la clonazione

Vi ricordate della tartaruga George? Era l’ultimo esemplare di tartaruga gigante dell’isola Pinta: lo scorso 24 giugno è morta, estinguendo de facto questa specie. Tuttavia adesso ci pensa la moderna scienza a riportarla in vita, grazie alla genetica. Ebbene sì, in Jurassic Park si clonavano dinosauri, noi per adesso cloniamo cheloni. Come è possibile? A spiegarcelo ci pensa uno studio realizzato da un team di scienziati della Yale University che potrete trovare sul Biological Conservation Journal.

I ricercatori di Yale come prima cosa hanno esaminato il Dna di Lonesome George, l’ultima tartaruga gigante dell’isola Pinta: era morta di vecchiaia, avendo superato i cento anni. A questo punto il suo materiale genetico, conservato con cura nel museo delle Galapagos, è stato confrontato con quello di altre dieci specie di tartarughe che vivono in quei luoghi.

A sorpresa, almeno 17 esemplari hanno mostrato di avere dei tratti genetici simili a quelli dell’estinta tartaruga gigante dell’isola Pinta. Anzi, sembra che almeno in alcuni casi le somiglianza siano così marcate da far pensare che si tratti di geni uguali a quelli di George. Per adesso ad avere questi geni sono nove tartarughe femmina, tre maschi e cinque piccoli, ma la ricerca è ancora all’inizio.

A causare l’estinzione di queste tartarughe sono stati i cacciatori di balene e i pirati che alla fine del XIX secolo le uccidevano per mangiarne le carni durante i lunghi viaggi in mare. Però grazie a loro queste tartarughe sono state ibridate con altre specie: gettandole in mare davanti all’isola Isabella, le hanno fatte incrociare fra di loro ed ecco che i loro geni si sono mescolati. Da tempo si sapeva dell’esistenza di tartarughe ibride, ma finora nessuno aveva pensato a cercare il Dna di Lonesome George.

E questo spiana la strada a Jurassic Park… ehm, cioè, volevamo dire alla clonazione delle tartarughe. Siamo contenti che George, o meglio, un clone di George possa dare origine alla rinascita di questa specie estinta, ma occhio a non clonare i dinosauri! ;)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>