Tutta l'informazione che cercavi

L’Isola di Fuoco: in arrivo la nuova edizione del gioco anni Ottanta?

L'Isola di Fuoco

L’Isola di Fuoco – Vi ricordate del gioco da tavolo anni Ottanta, L’Isola di Fuoco? E’ un gioco che ho sempre desiderato, ma mai ottenuto (insieme al Galeone dei Pirati). Ecco, adesso la Restoration Games, dopo aver ottenuto la licenza per il gioco, ha deciso di lanciare una campagna kickstarter di crowdfunding per creare la nuova edizione de L’Isola di Fuoco. La campagna inizierà ufficialmente il 3 aprile. Se tutto andrà in porto, potremo acquistare la nuova edizione de L’Isola di Fuoco o Fireball Island: The Curse of Vul-Kar, se preferiti il nome originale inglese.

L’Isola di Fuoco: caratteristiche della nuova edizione

Sul sito di Restoration Games è stato già pubblicato il render provvisorio di questa nuova edizione de L’Isola di Fuoco. Si sa già che la struttura base sarà simile a quella della vecchia edizione, ma lo scopo di Restoration Games è di ricreare una versione migliore rispetto a quella che la gente ricorda, ancora più interattiva e, possibilmente, con una scatola di gioco meno ingombrante.

Ecco i punti chiave della nuova edizione de L’Isola di Fuoco:

  • dare ai giocatori più controllo sulle pedine e meno sulle biglie (nell’edizione storica in pratica tiravi il dado e ti limitavi ad andare avanti)
  • far muovere le biglie-massi più velocemente: l’isola sarà più alta, così i massi cadranno più velocemente
  • rendere l’isola più grande caotica, con più percorsi: ci saranno i percorsi (cinque), ma ci saranno anche aree che saranno dei semplici terreni accidentati, con i massi che rotolano verso il basso in stile Plinko. Inoltre alcune aree presentano dei massi in bilico che, se colpiti, creeranno ulteriori danni. Ci saranno poi degli alberi sui sentieri: ruotandoli, i giocatori potranno controllare il percorso di caduta dei massi, cercando di guidarli e di farli cadere sugli avversari. In più, gli alberi aggiungono un ulteriore effetto 3D all’Isola. Ma non basta: adesso Vul-Kar potrà far cadere i massi da tre punti di uscita. Il foro centrale è quello da cui uscirà più spesso, ma occhio alle probabilità: può uscire anche da quelli di lato
  • rendere la scatola del gioco più piccola: per fare questo si suddividere l’isola in tre pezzi, in modo che poi possano essere impilati quando il gioco viene messo via

Via: Restoration Games

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>