Tutta l'informazione che cercavi

Google Doodle dedicato ad Ada Lovelace, la madre dell’informatica

Google Doodle dedicato ad Ada Lovelace, la madre dell’informatica. Da tempo Mister G non ci proponeva uno scarabocchio ed ecco che torna a farlo con uno statico, senza animazioni, esattamente come l’ultimo, quello per la Giornata Mondiale per l’Infanzia. Oggi si celebra il 197esimo anniversario della nascita della celebre matematica che contribuì alla macchina analitica di Baggage e che creò il primo algoritmo che permetteva il calcolo dei numeri di Bernoulli, diventando così di fatto la prima programmatrice della storia.

Come potete vedere, si tratta di un doodle molto semplice, dove vediamo Ada Lovelace intenta a scrivere il suo algoritmo, mentre assistiamo all’evoluzione del computer, dai primi calcolatori fino ad arrivare ai moderni portatili. E sotto a tutto campeggia il logo di Google.

La biografia di Ada Lovelace inizia a Londra il 10 dicembre 1815 e finisce sempre a Londra il 27 novembre 1852, a causa di un tumore all’utero. Era l’unica figlia legittima del poeta Lord Byron, con cui non ebbe mai rapporti e della matematica Anne Isabella Milbanke la quale le inculcò l’amore per la matematica.

Fondamentale fu l’incontro con Charles Babbage: lui la definì l’Incantatrice dei Numeri. La Lovelace diede un contributo fondamentale alla sua macchina analitica, ovvero il primo prototipo di computer meccanico. Fra i lavori più celebri della Lovelace, ricordiamo la traduzione e il commento in lingua inglese dell’articolo dell’italiano Luigi Federico Menabrea su un modello futuro della macchina di Babbage, molto simile alla macchina di Turing. Secondo la Lovelace, questo modello avrebbe avuto un magazzino (la memoria), un mulino (la CPU) e un lettore di schede perforate (input).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>