Tutta l'informazione che cercavi

Giornata Mondiale per l’Infanzia: Google Doodle per i diritti dei bambini

Un Google Doodle per la Giornata Mondiale per l’Infanzia: ecco la sorpresa di questa mattina del motore di ricerca più famoso. Come potete vedere, si tratta di un doodle statico, non interattivo, esattamente come gli ultimi, quello dedicato a Rodin e quello per Bram Stoker. Chissà con che criterio Mister G sceglie di fare scarabocchi statici o interattivi? Ma andiamo a conoscere meglio questo doodle.

Come potete vedere, le lettere di Google sono state sostituite con un giullare, due palle colorate rappresentanti il sole e la luna, tre bambini felici e sorridenti, una casetta alta e stretta e un alberello. Se cliccate sul google doodle della Giornata Mondiale per l’Infanzia verrete automaticamente indirizzati alla pagina di ricerca relativa. Uno scarabocchio molto semplice, dunque.

Ma da dove origina la Giornata Mondiale per l’Infanzia? E perché si festeggia il 20 novembre? La Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza celebra la data in cui la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia venne approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, il 20 novembre 1989: si tratta di un documento contenente ben 54 articoli e due protocolli che l’Italia sottoscrisse il 27 maggio 1991. Ed è proprio per questo motivo che il 20 novembre si ricorda questa data in parecchi tutti i paesi del mondo.

Articoli importanti della Convenzione sono quello sul diritto del minore a essere parte attiva delle decisioni che lo riguardano (articolo 12) e quello che prevede che il principio guida di ogni decisione debba essere ‘il superiore interesse del bambino’ (articolo 3). Purtroppo in molti Paesi che hanno aderito alla Convenzione, questi articoli ancora non vengono rispettati.

In occasione della Giornata Mondiale per l’Infanzia, a Roma si terrà una speciale cerimonia presieduta da Vincenzo Spadafora al Museo d’Arte Sperimentale di Roma, mentre nelle scuole italiane si terranno seminari e approfondimenti sul tema dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>