Tutta l'informazione che cercavi

Farmville su Facebook: il tormentone dell’orto

farmville

Gli orti sono tornati di moda. Da tempo i telegiornali ci propongono questa nuova tendenza: per risparmiare, in tempi di crisi economica, non c’e’ niente di meglio che un piccolo appezzamento, ricavato magari sul balcone di casa, con vasi un po’ piu’ grandi, nel quale piantare verdura e frutta, per poter avere alimenti assolutamente naturali, coltivati da noi, spendendo molto meno, rispetto a quello che avremmo speso facendo acquisti al supermercato o al mercato. La moda degli orti ha anche contagiato Facebook: con Farmville!

Quanti di voi che possiedono un profilo di Facebook sono stati invitati almeno una volta ad unirsi alla comunita’ di Farmville? Io personalmente saro’ stato invitato un centinaio di volte, rifiutando sempre molto gentilmente. Ma che cos’e'? E’ un’applicazione, un semplice gioco che ha gia’ moltissimi fans sul social network.

In pratica, nel gioco siete i proprietari di una piccola fattoria, che dovrete gestire: potete scegliere cosa coltivare nei vostri pezzi di terreno, quali animali allevare, quali costruzioni realizzare. Dovrete prendervi cura del vostro orto, per coltivare frutta e verdure per voi e non solo. Potrete anche venderla e guadagnare soldi per poter acquistare nuove strutture, nuovi animali e nuove sementi.

Un giochino semplice che ha gia’ conquistato una popolazione di utenti di Facebook davvero molto ampia. E che ora promette di conquistare tutta la rete: adesso si potra’ giocare anche fuori dal social network, sul sito ufficiale di Farmville.

Per sperimentare cosa vuol dire coltivare un orto, senza tutte le scocciature vere di un orto, e’ un gioco perfetto, anche se la realta’ e’ molto distante da quella virtuale. Chissa’ che non scopriate il contadino che e’ in voi! :D

One Response to “Farmville su Facebook: il tormentone dell’orto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>