Tutta l'informazione che cercavi

Elsa Fornero ai malati di Sla: è dura anche la vita del ministro

Ok, è ufficiale: la Fornero deve imparare a stare zitta. Dopo il famoso ‘Choosy’, che ha fatto imbestialire tutta l’Italia, adesso si rivolge ai malati di Sla dicendodli: ‘E’ dura anche la vita del ministro’. Ma quale sono le premesse di questa frase assurda? Dobbiamo andare a monte, anzi a Monti, visto che il suo governo ha deciso che era meglio ridurre i fondi per l’assistenza ai disabili gravi piuttosto che ridurre vitalizi e stipendi di ministri e affini: secondo il nostro governo dare assistenza ai disabili gravi è uno ‘spreco’ che la ‘standing review’ deve combattere.

A questo punto decine di malatia di Sla in tutta Italia hanno deciso di protestare contro questo faglio assurdo, visto e considerato che hanno bisogno di assistenza domiciliare continua. La Sla non è una malattia dalla quale si guarisce, è progressiva e non ha senso tenere i malati in ospedale perché prima di tutto la qualità della loro vita peggiorerebbe drasticamente e poi costerebbe molto di più alle casse dello Stato.

Ecco che allora uno di questi malati, Salvatore Usala ha iniziato uno sciopero della fame, sospeso solo perché i ministri della Salute e del Lavoro, Balduzzi e Fornero hanno acconsentito ad andare a trovarlo a Monserrato, dove vive. E secondo voi hanno guardato veramente la sua situazione e hanno affermato che il governo avrebbe reintegrato questi fondi? Assolutamente no, in pratica hanno fatto il solito giochetto italiano dello scarica barile e si sono limitati a dire ‘Noi non ci possiamo fare niente, decide tutto il ministro dell’economia’ e hanno assunto il generico impegno affinché ‘si riparta dalla norma vigente, che prevede prioritariamente la destinazione di risorse alla non autosufficienza’.

Già una cosa del genere non sta né in cielo né in terra, ma la Fornero ha voluto dire la sua e davanti a Usala, malato di Sla a cui hanno appena tagliato i fondi per l’assistenza domiciliare cosa ha avuto il coraggio di dire? Che ‘Anche la vita da ministro è difficile’. Ma stiamo scherzando? Cara ministra, credo che Usala sarebbe felicissimo di fare a cambio con te. Siamo sempre più disgustati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>