Tutta l'informazione che cercavi

Bunga Bunga: tormentone di Silvio Berlusconi, la versione di Elio

E’ esplosa la Bunga Bunga mania. Da quando Silvio Berlusconi e’ stato coinvolto in un nuovo scandalo che ha per protagoniste belle ragazze invitate nelle sue residenze (Ruby, una 17enne avrebbe raccontato delle feste nella casa di Arcore e subito la stampa italiana si e’ prodigata con dettagli inesistenti che lei stessa smentisce), e’ esplosa la mania del Bunga Bunga, tanto che Elio, come vi mostriamo nel video qui sopra, ci ha scritto anche una canzone. Noi vi diciamo che cos’e’ in realta’ il Bunga Bunga!

Se continuate a parlare del Bunga Bunga, come fa spesso Silvio Berlusconi nelle sue barzellette dopo che il termine gli e’ stato insegnato dal suo grande amico Gheddafi (davvero utile per il nostro paese!), sappiate che si riferisce ad uno stupro anale, alla sodomia.

Si tratta di una pratica sessuale di origine tribale. Il primo riferimento ci arriva dall’Inghilterra: a coniarlo la poetessa Virginia Wolf, che insieme ad altri fece uno scherzetto ad alcuni militari inglesi su una nave inglese. Travestita da nobile abissina come i suoi amici, per qualsiasi venisse loro mostrata dicevano “Bunga Bunga”. Vennero scoperti e puniti con bastonate sul sedere.

Oggi il termine indica “brutale stupro anale, inflitto come forma di punizione a chi oltrepassa i territori delle tribù“. Mentre da noi oggi viene utilizzato per barzellette del tipo “Se ti cade la saponetta ti facciamo il Bunga Bunga“.

Rimane il fatto che Silvio Berlusconi ha lanciato un nuovo tormentone: dopo Meno male che Silvio c’e’, ci mancava solo il Bunga Bunga. Speriamo solo che non lo usi nei confronti degli italiani!

One Response to “Bunga Bunga: tormentone di Silvio Berlusconi, la versione di Elio

  1. Anonimo

    Pizzaboy sei grande!!!! by Aiz Ram

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>