Tutta l'informazione che cercavi

Bauli compra la Bistefani: che ne sarà dei Krumiri?

La Bauli ha comprato la Bistefani, o meglio, il panettone si pappa i krumiri. A quanto pare la storica ditta Bistefani della famiglia Viale è stata venduta alla veronese Bauli che, tramite questa acquisizione, fatturerà da 420 a 500 milioni, finendo per assorbire anche i 140 lavoratori dello stabilimento dolciario sito a Villanova. In realtà le trattative fra i due gruppi dolciari andavano già avanti da qualche mesetto, ma solo ora l’accordo è diventato ufficiale.

Facendo le somme, Bauli detiene ormai i marchi Motta, Doria Biscotti, Casalini e adesso anche Bistefani. Già da lunedì quest’ultima apparterrà alla Bauli. Una cosa positiva di questo accordo è che almeno anche la Bistefani, prodotto Made in Italy, rimarrà in Italia.

Se vi state chiedendo il perché di questa acquisizione, la risposta è sempre la stessa: a causa della politica economica del governo del sig. Monti, anche la Bistefani è stata messa in ginocchio e ha accumulato debiti per 35 milioni di euro. L’unico modo per salvarsi, è stato quello di cedere all’acquisizione.

Peccato, perché era dal 1955 che la Bistefani era nella mani della famiglia Viale, loro ne erano stati i fondatori. Alberto Viale, fino a ieri presidente della Bistefani, ha amaramente dichiarato: ‘Lascio ad un amico, Alberto Bauli, con il quale c’è un rapporto di stima da oltre vent’anni’.

Chissà se i krumiri della Bistefani, ora che sono nelle mani della Bauli, manterranno la stessa qualità’ Quello che è certo è che con questa acquisizione, si ridurrà ancora di più la stagionalizzazione della multinazionale veneta, per metà adesso legata a prodotti da ricorrenza, panettoni, pandori e colombe.

Chiederei solo una cosa al signor Bauli: potete cortesemente indicare nell’etichetta dei prodotti esattamente l’origine dei grassi vegetali e degli additivi utilizzati? Non posso consumare i vostri prodotti perché non so se questi sono derivati da soia o arachidi e la cosa mi infastidisce un pochino.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>