Tutta l'informazione che cercavi

Aumento del canone Rai e causa contro Youtube: ecco la manovra per salvare la Rai

Siete contenti? Il canone Rai aumenta ancora! A quanto pare viale Mazzini ha deciso di mettere in atto una maxi manovra per cercare di riemergere in qualche maniera dall’emergenza finanziaria in cui la televisione di stato rischia di annegare. E tanto per cambiare, per seguire la moda lanciata da Monti, va a pescare nelle tasche degli italiani: tanto fra Imu e altre tasse di soldi ce ne avanzano a bizzeffe, prego, venite a servirvi pure!

Come ogni anno, arrivati in questo periodo ci si chiede se sia corretto far pagare il canone Rai, visto che si tratta di una vera e propria tassa di possesso: che guardiate o meno la Rai, se avete un televisore, una radio o anche solo un computer che possa prendere le sue trasmissioni radiofoniche o televisive, siete costretti a pagare.

Ma la manovra della Rai non finisce certo qui. Oltre l’aumento del canone Rai a 113,50 euro, ecco che viale Mazzini intenterà una causa contro Youtube per la trasmissione non autorizzata di filmati di sua proprietà. Però se chi li carica paga già il canone, non ha qualche diritto su di essi? Se c’è qualche avvocato fra i nostri lettori, che ci illumini in materia.

Previsti poi seicento prepensionamenti per mandare a casa i dirigenti aziendali, seguito però dall’assunzione di trecento giovani, anche tramite concorsi (perché, c’è qualche altro metodo per entrare nella tv di stato? Illuminateci!). Verranno anche tagliati i compensi stellari dei vip e ci saranno tagli anche per quanto riguarda i diritti sportivi. Tuttavia pare che questa manovra non servirà a sanare del tutto l’emergenza finanziaria della Rai, ci vuole ben altro. Voi che proposte fareste per sanare la Rai? :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>