Tutta l'informazione che cercavi

Atari: il noto marchio di videogiochi dichiara bancarotta

Dopo la Richard Ginori, anche l’Atari è stata costretta a dichiarare bancarotta. Diciamo dunque addio alla casa produttrice di Pong e Asteroids: la leggendaria azienda leader del mercato dei videogiochi è stata costretta a dichiarare fallimento negli Stati Uniti. Tuttavia una piccola speranza c’è ancora: grazie ai fondi messi a disposizione dai nuovi investitori, l’Atari spera di salvare qualcosa tuffandosi nel settore del mobile. Un vero peccato.

E pensare che solo il 29 novembre 2012 il videogioco Pong di Atari aveva compiuto 40 anni. In realtà si tratta di un fallimento/riorganizzazione: la controllata americana Atari Inc. vorrebbe distaccarsi dalla società madre francese, la Atari SA, quella che un tempo era nota come Infogrames, a causa dei forti debiti di quest’ultima.

In pratica la Atari, nella quale all’inizio della sua carrierà transitò anche Steve Jobs, vuole in pratica avviare una sorta di risanamento, grazie al rilancio del marchio originale, ma sviluppando delle nuove applicazioni per le piattaforme digitali e mobili.

Il lento e inesorabile declino della Atari è giunto a compimento: adesso l’azienda cerca un compratore disposto a sanare i suoi debiti e a rilanciarla. Al momento pare che l’Atari stia lavorando a un nuovo Pong con Zynga e alle versioni mobile di Rollercoaster Tycoon e Dungeons and Dragons.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>